Il tuo browser non supporta il tag embed per questo motivo non senti alcuna musica
Attuale stemma di Banzi   Piazza Emanuele Gianturco: la piazza principale di Banzi
  Antico stemma di Banzi
Banzi, paese della "Fons Bandusiae" di Quinto Orazio Flacco e "CittÓ culla del Diritto"
Piccolo dizionario di dialetto Banzese

Home page

Bibliografia

Storia

Fotografie

Tradizioni

Piatti tipici

Vocabolario banzese

L'Autore

Links

Guestbook

Contatti



Racconti di papÓ




P

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W Z
  • Paccj: pazzo.
  • Paddutt'l: palla di neve.
  • PadjiÓ(re): digerire.
  • Pagliar: casa fatta di paglia e/o di canne.
  • Pagliar¨l: persona ch trasporta la paglia.
  • Pais: paese.
  • Palick: stuzzicadente.
  • Palomm: la metÓ del muro in comune tra due case, ma anche farfalla.
  • Palumm: colombo, piccione.
  • Pampuglj: pampini di vite e trucioli del legno.
  • PannŔtt: tenda da imposta.
  • Papagna: decotto di frutto del papavero.
  • Papagnatora: sonno di durata molto breve.
  • Paparann: nonno.
  • Paparul: peperone.
  • Papunn: uomo nero, spaventa bambini.
  • Paranza: gruppo di mietitori.
  • Parciatill: tipo di pasta lunga.
  • Pastunak: carota.
  • P'dann: grosso vaso di terracotta per conservare i liquidi.
  • P'duckj: pidocchio.
  • Pecoraro: colui che pascola le pecore.
  • Pecur: pecora.
  • Pescj: peggiore.
  • Pett'l: frittelle di pasta fresca.
  • Pezz: straccio
  • Pezzent: povero.
  • Pick: poco.
  • Pignone: ammasso di covoni nell'aia in attesa di essere trebbiati.
  • Pihun: pugno.
  • Pijli: peli.
  • Pijccj: capriccio, piagnisteo di bambino.
  • Pijsc'k: sasso, grossa pietra.
  • Pisciaredda: pipý, far scorrere liquidi lentamente.
  • Pjrruzz: forellino per spillare il vino dalla botte.
  • Pjzz: angolo.
  • Pjzz'curn: spigolo.
  • P'latidd: capriccio, piagnisteo.
  • P'nn'ram: appendi rame;
  • P'nzjir: pensiero.
  • Porjcj: pulce.
  • Pr'cjcchj: forellino che si fa alla base di una botte per tastare il vino.
  • P'rascjn: pere selvatiche molto piccole e dolci.
  • P'rruzz: rubinetto in legno o metallo della botte del vino.
  • Pr'ckiazz: portulaca, porcacchia; erba grassa infestante e commestibile in insalata
  • Pr'cjn: pulcino.
  • P'rcok: albicocca.
  • Pjrtus: buco, pertugio.
  • Pr'dýt: prurito.
  • PrÚna: aggettivo per indicare una donna o un mammifero incinta.
  • PrÚt: pietre.
  • Preut: prevosto, prete.
  • Prjd: albero del pero; pera (frutta).
  • Prjs: vaso di coccio per la raccolta degli escrementi umani prima dell'avvento della fognatura.
  • Priscj: gioia, piacere.
  • P'rtus: piccolo buco, pertugio.
  • PrucÓ: seppellire.
  • Psatur: mortaio pestasale in legno o in pietra viva.
  • Psatora: gruppo di govoni sparsi nell'aia per la trebbiatura con cavalli.
  • Puhp: pannocchia di granturco.
  • Pum'dor: pomodoro.
  • Puteja: bottega, negozio.
  • Puzz: pozzo, ma anche cattivo odore.

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W Z

 
ę ę ę 2002-2014 Copyright Antonio Sapio - La riproduzione, anche parziale, Ŕ vietata senza il consenso scritto del webmaster.
 Ai sensi della Legge 7/03/2001 n. 62 si dichiara che questo sito non rientra nella categoria d' "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
INFORMATIVA 
Questo Sito utilizza i Cookies, continuando nella navigazione accettate l'utilizzo dei cookies. Se volete saperne di pi¨ o negare il consenso, cliccate qui